Mutui prima casa per giovani sotto i 25 anni: informazioni, come accedervi, migliori offerte nel 2022

1174

Indice

Quali sono e cosa sono i mutui per under 25?

Esistono delle offerte di mutui under 25 per la prima casa. Queste per fortuna non mancano nel mercato creditizio, infatti servono per aiutare tale fascia sociale. Le giovani coppie o single hanno spesso difficoltà per accedere al mutuo prima casa per tante ragioni. Queste ragioni sono legate principalmente all’assenza di un lavoro stabile e/o un reddito fisso.

Ecco che spesso diventa indispensabile l’aiuto dello Stato, in modo da garantire per conto loro agli istituti di credito, così da agevolare la concessione del finanziamento per l’acquisto della prima casa. Tale aiuto ha un nome concreto, si tratta del Fondo di garanzia per la prima casa, che è stato approvato tramite la legge 147/2013, viene rinnovato di anno in anno.

Cos’è e come funziona il Fondo di garanzia

In sostanza tale Fondo di garanzia è quello che ha messo a disposizione le agevolazioni per l’acquisto della prima casa tramite mutuo. Si tratta di agevolazioni che si trasformano in spread e in tassi di interesse più bassi. Si può anche avere accesso al credito più facile tramite i fondi di garanzia, senza di essi determinate categorie di destinatari non possono avere finanziamenti.

Questo Fondo di garanzia che è stato istituito dallo Stato permette di:

  • dare la possibilità ad un giovane lavoratore di veder garantito fino al 50% dell’importo richiesto tramite mutuo per l’acquisto prima casa;
  • tale fondo provvede anche a rimborsare per conto del titolare stesso del mutuo, almeno la metà del capitale che viene stanziato nel momento in cui non potrà essere in grado di sostenere l’ammortamento, questo è dovuto a difficoltà legate ad eventi non prevedibili.

Chi sono i destinatari del Fondo?

Il Fondo di garanzia per la prima casa è quello che serve per sostenere ed aiutare delle categorie determinate di soggetti per l’acquisto di un immobile. I destinatari del Fondo sono:

  • Giovani coppie;
  • Giovani single under 35 con contratto di lavoro atipico;
  • Nuclei familiari di un solo genitore con figli minorenni a carico;
  • Conduttori di alloggi come case popolari.

Mutui under 25 prima casa: quali sono i vantaggi?

Oltre allo Stato che aiuta nel caso di difficoltà, quali anche la malattia grave o la perdita non volontaria del lavoro, i mutui under 25 per la prima casa, presentano altri vantaggi pratici. Essi sono:

  • una soglia finanziabile dell’immobile più elevata;
  • un mutuo agevolato per il 100 per cento del valore dell’immobile.

Dato che, oggi siamo ancora in un periodo di crisi economica, la domanda di mutuo si è ridotta ad un miraggio. Questo è il motivo per cui lo Stato ha creato questo Fondo, istituendo un credito per concedere il mutuo classico e finanziamento fino all’80 per cento del valore dell’immobile a tutti i giovani.

Quali sono gli immobili finanziabili?

Bisogna prestare attenzione a quali siano gli immobili che possono essere finanziati dal mutuo under 30. Si tratta del mutuo che viene garantito dal fondo statale e quindi si deve valutare la destinazione d’uso, che deve essere quella di abitazione principale. Nel caso in cui così non fosse, si verrà esclusi dal finanziamento, con delle tipologie catastali che vengono di fatto tagliate fuori. Queste categorie sono:

  • Categoria A1;
  • Categoria A8;
  • Categoria A9;
  • Case di lusso in generale.

Altre tipologie di mutuo under 25

Il mutuo per la prima casa al 100 per cento è solamente una delle opzioni che sono presenti sul mercato del credito. Difatti, molto spesso tale tipo di prodotto è proposto da eventuali istituti di credito. Questi istituti di credito hanno dei piani di ammortamento in 40 anni. Proprio per questo motivo ci sono offerte per gli under 25 e prevedono:

  • una soglia di finanziabilità più inferiore, ma comunque molto elevata, ovvero fino al 90 per cento del valore dell’immobile;
  • durate più standard fino a 30 anni di ammortamento;
  • le cifre stanziate non superano i 300 mila euro.

La maggior parte di tutte le proposte di mutuo under 25 sono a tasso variabile. Anche se è possibile che vi siano delle offerte dedicate ai giovani con mutuo a tasso fisso, TAN e TAEG applicati ad un valore di percentuale più basso rispetto alla media di mercato.

Come trovare mutui per la prima casa under 25

Sul mercato del credito ci sono tanti enti finanziari che hanno proposto dei mutui per la prima casa a tutti gli under 25. Il consiglio è quello di affidarsi sempre a degli strumenti tecnologici quali i comparatori on line, che permettono di trovare tutte le migliori proposte finanziarie del momento.

Anche per tali prodotti dedicati si ha l’opportunità di fare la prima scelta e riuscire a trovare offerte da cui partire. Dopo aver individuata quali siano le finanziarie più adatte a cui mandare la propria richiesta, sarà possibile richiedere un preventivo gratis. Tale preventivo deve essere senza impegno, così da poter avere una chiara idea dei costi da affrontare.

Esistono degli appositi strumenti per la simulazione, si trovano sul web e consentono di fare un calcolo rata del mutuo. Basta mettere i dati necessari e da subito si avrà idea di quanto sarà l’ammortamento finale, ma anche il costo da sostenere tutti i mesi per l’acquisto dell’immobile.

In conclusione

Dopo aver visto tutte le caratteristiche, inclusi i requisiti e i parametri, si può individuare quale sia la convenienza di un mutuo under 25. Ma come farlo? Prima di tutto, ciò che va subito visto ed esaminato riguarda lo spread. Questo tasso differenziale, se viene sommato al tasso di interesse del finanziamento, va a dare il costo complessivo per avere la concessione del mutuo. I tassi possono essere:

  • Fisso;
  • Variabile;
  • Variabile con Cap (con un tetto massimo per lo spread);
  • Misto (passaggio da fisso a variabile o viceversa entro determinati tempi);
  • Ridotto per un tempo iniziale, dopo sostituito dal fisso o variabile corrente.

L’altro parametro da dover prendere in considerazione è il TAEG, ovvero il Tasso Annuo Effettivo Globale che è onnicomprensivo di tutte le spese accessorie. Queste riguardano le spese al finanziamento, più sarà basso il valore, maggiore la convenienza.

Questi tre elementi, spread, tasso di interesse e TAEG, sono gli elementi che determinano i costi del mutuo e quindi devono subito essere calcolati e valutati prima di fare la scelta finale.

Le informazioni circa le offerte delle aziende sono simulazioni e sono per natura cangianti nel tempo e potrebbero essere passibili di errore, quindi visitate sempre il sito della banca/finanziaria/azienda per avere tutte le informazioni aggiornate